P.fo Corriere di Roma (1902)
P.fo Corriere di Roma (1902)
In questa immagine del 1902 il piroscafo \"Corriere di Roma\", fotografato in porto non conosciuto ma indicato come frequentatore regolare del Porto Canale, come evidenziato da quanto segue: nel 1902 il rimorchio dei battelli da Fiumicino a Roma venne assunto dalla società Trasporti Marittimi Fluviali che aumentò il numero dei rimorchiatori a sette unità: Archimede, Aventino, Campidoglio, Elena, Lidia, Rachele, Sofia - La medesima compagnia, assieme alla Ligure Romana, gestiva regolari linee di cabotaggio da e per Roma/Fiumicino con Cagliari, Genova, Livorno, Napoli, Palermo, con piroscafi quale il \" P.fo Corriere di Roma\".
P.fo Corriere di Roma (1902)
P.fo Porto di Roma (1933)
P.fo Porto di Roma (1933)
Cargo – Costruita dal cantiere Howaldtswerke, Kiel, Germania, con il nome HELVETIA, bandiera russa, per E. Moor ; Co, Rostov, Russia – Completata 03.1905, GRT 485, Lpp 57.3 mt., Lo 9.3 mt., 2 motrici triplice espansione, 9.0 nodi – 1910: HELVETIA, per Louis Dreyfus ; Co, Rostov, Russia – 1921: FRANCOIS, per Louis Dreyfus ; Co, Francia – 1928: FRANCOIS, per S. Roujansky, Francia – 1932: TIBER, per Sa Genovese Autotrasporti, Cabotaggio, Trasportazione, Genova – 1933: PORTO DI ROMA, per La Ligure Romana SA di Nav. Marittima e Fluviale, Genova – 05.101943: affondta per bombardamento aereo a Portolago, Leros – La Ligure Romana SA di Nav. Marittima e Fluviale manteneva un servizio settimanale fra Genova e Porto San Paolo a Roma ed aveva piccole navi da 150 DWT a 470 DWT adatte a risalire il Tevere da Fiumicino: Campidoglio, Corriere di Genova, Lazio, Porto San Paolo, Campidoglio, Tiber (in time charter e poi Porto di Roma), Lilly B. (in time charter poi Porto San Paolo)
P.fo Porto di Roma (1933)
Palazzo Noccioli (1944)
Palazzo Noccioli (1944)
Palazzo Noccioli (1944)
Piattaforma off-shore
Piattaforma off-shore
Nave cisterna in discarica alla piattaforma della Raffineria di Roma, forse quella che ha inaugurato operativamente la piattaforma.
Piattaforma off-shore
Ponte 2 Giugno (1950)
Ponte 2 Giugno (1950)
Il Ponte 2 Giugno, inaugurato nel febbraio 1948 a sostituzione del precedente ponte girevole distrutto nel 1944. (archivio Agenzia Marittima Baffetti)
Ponte 2 Giugno (1950)
Ponte 2 Giugno (1950)
Ponte 2 Giugno (1950)
Il Ponte 2 Giugno, inaugurato nel febbraio 1948 a sostituzione del precedente ponte girevole distrutto nel 1944.
Ponte 2 Giugno (1950)
Ponte 2 Giugno (1950)
Ponte 2 Giugno (1950)
Il Ponte 2 Giugno, inaugurato nel febbraio 1948 a sostituzione del precedente ponte girevole distrutto nel 1944.
Ponte 2 Giugno (1950)
Ponte 2 Giugno (ca. 1964)
Ponte 2 Giugno (ca. 1964)
Il Ponte 2 Giugno, inaugurato nel febbraio 1948 a sostituzione del precedente ponte girevole distrutto nel 1944.
Ponte 2 Giugno (ca. 1964)
Ponte della Scafa: traghetto (ca. 1910)
Ponte della Scafa: traghetto (ca. 1910)
Era chiamata \"Scafa\" la barca che sul ramo di Fiumara Grande del Tevere traghettava i passeggeri dall\'Iasola Sacra ad Ostia Antica, all\'altezza dell\'attuale Ponte della Scafa, barca che era trainata da funi da una riva all\'altra. Sullo sfondo la Torre Boacciana - Il traghettatore era soprannominato \" er Volante\", ed il nome \"Scafa\" è passato poi al ponte costruito nel 1950. (archivio Agenzia Marittima Baffetti)
Ponte della Scafa: traghetto (ca. 1910)
Ponte girevole (ca. 1935)
Ponte girevole (ca. 1935)
Costruito nel 1924/1925 in sostituzione del ponte di barche, che fu fatto realizzare dal Card. Ruffo nel 1787. Il ponte fu distrutto nel 1944 dall\'esercito germanico in ritirata da Roma verso il nord. (archivio Agenzia Marittima Baffetti)
Ponte girevole (ca. 1935)
Ponte girevole (ca. 1940)
Ponte girevole (ca. 1940)
Costruito nel 1924/1925 in sostituzione del ponte di barche, che fu fatto realizzare dal Card. Ruffo nel 1787. Il ponte fu distrutto nel 1944 dall\'esercito germanico in ritirata da Roma verso il nord. (archivio Agenzia Marittima Baffetti)
Ponte girevole (ca. 1940)
Ponte su barche (1910)
Ponte su barche (1910)
Porto canale: il transito attraverso il canale di Fiumicino era possibile attraversando un ponte su barche (realizzato nel 1787) che si trovava all\'altezza dell\'attuale (2011) via del Canale, costruita nel 1955/1959, all\'epoca un viottolo sterrato che correva lungo un canale di deflusso di acqua di irrigazione della campagna circostante. Tolto l\'ormeggio da una banchina il ponte, tramite un argano, veniva ruotato contro corrente sull\'altra banchina cosicché il natante che doveva risalire il porto canale poteva passare e, a natante passato, il ponte tornava al suo posto favorito dalla corrente. Esisteva peró il problema che a ponte aperto il suo ingombro alla banchina diminuiva lo spazio utile per il passaggio dei natanti. Ai tempi il ponte di barche veniva usato più del ponte girevole, c\'erano pochi veicoli, perché i Fiumicinesi e la gente che veniva d\'estate con il treno anndava al mare per via Torre Clementina dove c\'erano i negozi di alimentari e le trattorie, dalla parte opposta non c\'era niente. Nella zona del lungomare c\'erano solo baracche di pescatori e di romani che venivano in villeggiatura d\'estate, nient\'altro. Pochi anni dopo la costruzione del ponte girevole (1925) il ponte di barche venne eliminato. (fonte: Agenzia Marittima Baffetti)
Ponte su barche (1910)
Ponte su barche (1910)
Ponte su barche (1910)
Porto canale: il transito attraverso il canale di Fiumicino era possibile attraversando un ponte su barche (realizzato nel 1787) che si trovava all\'altezza dell\'attuale (2011) via del Canale, costruita nel 1955/1959, all\'epoca un viottolo sterrato che correva lungo un canale di deflusso di acqua di irrigazione della campagna circostante. Tolto l\'ormeggio da una banchina il ponte, tramite un argano, veniva ruotato contro corrente sull\'altra banchina cosicché il natante che doveva risalire il porto canale poteva passare e, a natante passato, il ponte tornava al suo posto favorito dalla corrente. Esisteva peró il problema che a ponte aperto il suo ingombro alla banchina diminuiva lo spazio utile per il passaggio dei natanti. Ai tempi il ponte di barche veniva usato più del ponte girevole, c\'erano pochi veicoli, perché i Fiumicinesi e la gente che veniva d\'estate con il treno anndava al mare per via Torre Clementina dove c\'erano i negozi di alimentari e le trattorie, dalla parte opposta non c\'era niente. Nella zona del lungomare c\'erano solo baracche di pescatori e di romani che venivano in villeggiatura d\'estate, nient\'altro. Pochi anni dopo la costruzione del ponte girevole (1925) il ponte di barche venne eliminato. (fonte: Agenzia Marittima Baffetti)
Ponte su barche (1910)
Ponte su barche (ca. 1910)
Ponte su barche (ca. 1910)
Porto canale: il transito attraverso il canale di Fiumicino era possibile attraversando un ponte su barche (realizzato nel 1787) che si trovava all\'altezza dell\'attuale (2011) via del Canale, costruita nel 1955/1959, all\'epoca un viottolo sterrato che correva lungo un canale di deflusso di acqua di irrigazione della campagna circostante. Tolto l\'ormeggio da una banchina il ponte, tramite un argano, veniva ruotato contro corrente sull\'altra banchina cosicché il natante che doveva risalire il porto canale poteva passare e, a natante passato, il ponte tornava al suo posto favorito dalla corrente. Esisteva peró il problema che a ponte aperto il suo ingombro alla banchina diminuiva lo spazio utile per il passaggio dei natanti. Ai tempi il ponte di barche veniva usato più del ponte girevole, c\'erano pochi veicoli, perché i Fiumicinesi e la gente che veniva d\'estate con il treno anndava al mare per via Torre Clementina dove c\'erano i negozi di alimentari e le trattorie, dalla parte opposta non c\'era niente. Nella zona del lungomare c\'erano solo baracche di pescatori e di romani che venivano in villeggiatura d\'estate, nient\'altro. Pochi anni dopo la costruzione del ponte girevole (1925) il ponte di barche venne eliminato. (fonte: Agenzia Marittima Baffetti)
Ponte su barche (ca. 1910)
Ponte su barche (ca. 1910)
Ponte su barche (ca. 1910)
Porto canale: il transito attraverso il canale di Fiumicino era possibile attraversando un ponte su barche (realizzato nel 1787) che si trovava all\'altezza dell\'attuale (2011) via del Canale, costruita nel 1955/1959, all\'epoca un viottolo sterrato che correva lungo un canale di deflusso di acqua di irrigazione della campagna circostante. Tolto l\'ormeggio da una banchina il ponte, tramite un argano, veniva ruotato contro corrente sull\'altra banchina cosicché il natante che doveva risalire il porto canale poteva passare e, a natante passato, il ponte tornava al suo posto favorito dalla corrente. Esisteva peró il problema che a ponte aperto il suo ingombro alla banchina diminuiva lo spazio utile per il passaggio dei natanti. Ai tempi il ponte di barche veniva usato più del ponte girevole, c\'erano pochi veicoli, perché i Fiumicinesi e la gente che veniva d\'estate con il treno anndava al mare per via Torre Clementina dove c\'erano i negozi di alimentari e le trattorie, dalla parte opposta non c\'era niente. Nella zona del lungomare c\'erano solo baracche di pescatori e di romani che venivano in villeggiatura d\'estate, nient\'altro. Pochi anni dopo la costruzione del ponte girevole (1925) il ponte di barche venne eliminato. (fonte: Agenzia Marittima Baffetti)
Ponte su barche (ca. 1910)
Pontile di dritta
Pontile di dritta
L\'entrata del porto canale vista dal vecchio ristorante Bastianelli Al Molo nel 1963
Pontile di dritta
Porto canale
Porto canale
Una nave va a scaricare oltre il ponte 2 Giugno (ca. 1964)
Porto canale
Porto canale
Porto canale
Velieri in banchina davanti all\'agenzia marittima Baffetti (ca. 1910-1920)
Porto canale
Porto canale
Porto canale
La nave scende di poppa lungo il canale, fra il ponte 2 giugno e la passerella pedonale - circa anno 1960 - 1964
Porto canale
Porto canale
Porto canale
Porto canale
 
 
Powered by Phoca Gallery