Alessandro Volta 1956 (ex Clement Ader 1954)
Alessandro Volta 1956 (ex Clement Ader 1954)
Cargo/stive refrigerate - Costruita da Ateliers & Chantiers de La Loire, Saint Nazaire, con il nome CLEMENT ADER, per la Chargeurs Reunis, Bordeaux, bandiera francese – Varata 02.1953, comsegnata 02.1954, GRT 11.968, DWT 10.246, Lft 163.0 mt., Lpp 153.3 mt., lo 19.6 mt., 2 diesel, 16.0 nodi - Immessa sulla linea Francia/Indocina – 1956: ALESSANDRO VOLTA , per Italia SpA, Genova, trasformata per cargo e 12 passeggeri va sulla linea del Nord Pacifico – 1973: ALESSANDRO VOLTA per Lloyd Triestino, va sulla rotta del Sud Africa – 09.1979: demolita a La Spezia. (Tre navi gemelle: Antonio Pacinotti / ex Edouard Branly, Galileo Ferraris / ex Henri Poincaré, Alessandro Volta / ex Clement Ader)
Alessandro Volta 1956 (ex Clement Ader 1954)
Alessandro Volta 1956 (ex Clement ader 1954)
Alessandro Volta 1956 (ex Clement ader 1954)
Cargo – Costruita dal cantiere Loire, St. Nazaire, Francia, con il nome CLEMENT ADER, bandiera francese, per Cie Maritime des Chargeurs Reunis, Bordeaux – Varata 02.1953, completata 02.1954, GRT 11.968, DWT 10.246, Lft 163.0 mt., Lpp 153.3 mt., Lo 19.6 mt., 2 diesel, 16.0 nodi – 1956: ALESSANDRO VOLTA, per Italia SpA di Nav., Genova – 1973: ALESSANDRO VOLTA, per Lloyd Triestino SpA di Nav., Genova – 08.1979: demolita a La Spezia (CN del Golfo) – Gemella della Antonio Pacinotti (ex Edouard Brandly) e della Galileo Ferraris (ex Henri Poincaré)
Alessandro Volta 1956 (ex Clement ader 1954)
Alessandro Volta 1956 (qui Clement Ader 1953)
Alessandro Volta 1956 (qui Clement Ader 1953)
Cargo/stive refrigerate - Costruita da Ateliers & Chantiers de La Loire, Saint Nazaire, con il nome CLEMENT ADER, per la Chargeurs Reunis, Bordeaux, bandiera francese – Varata 02.1953, comsegnata 02.1954, GRT 11.968, DWT 10.246, Lft 163.0 mt., Lpp 153.3 mt., lo 19.6 mt., 2 diesel, 16.0 nodi - Immessa sulla linea Francia/Indocina – 1956: ALESSANDRO VOLTA, per Italia SpA, Genova, trasformata per cargo e 12 passeggeri va sulla linea del Nord Pacifico – 1973: ALESSANDRO VOLTAper Lloyd Triestino, va sulla rotta del Sud Africa – 09.1979: demolita  a La Spezia.(Tre navi gemelle: Antonio Pacinotti / ex Edouard Branly, Galileo Ferraris /  ex Henri Poincaré, Alessandro Volta / ex Clement Ader)
Alessandro Volta 1956 (qui Clement Ader 1953)
Amaranto 1928 (ex Ajana 1912)
Amaranto 1928 (ex Ajana 1912)
Passeggeri/cargo – Costruita dai cantieri Russell, Port Glasgow, UK, con il nome AJANA, bandiera inglese, per Australind Steam Sg Co Ltd, London – Varata 02.1912, consegnata 05.1912, GRT 7.759, Lpp 138.4 mt., Lo 17.1 mt., 2 motrici quadruplice espansione, 13.0 nodi – 10.1914: convertita a Sydney in nave trasporto truppe, 427 soldati e 304 cavalli – 1917: riconvertita per trasporto di 17 ufficiali, 410 militari, 304 cavalli, operativa in Inghilterra - 1919: AJANA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1920: OTARAMA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1928: AMARANTO, per D. ; E. Fratelli Bozzo, Genova – 11.1932: demolita a Genova.
Amaranto 1928 (ex Ajana 1912)
Amaranto 1928 (qui: Ajana 1912)
Amaranto 1928 (qui: Ajana 1912)
Passeggeri/cargo – Costruita dai cantieri Russell, Port Glasgow, UK, con il nome AJANA, bandiera inglese, per Australind Steam Sg Co Ltd, London – Varata 02.1912, consegnata 05.1912, GRT 7.759, Lpp 138.4 mt., Lo 17.1 mt., 2 motrici quadruplice espansione, 13.0 nodi – 10.1914: convertita a Sydney in nave trasporto truppe, 427 soldati e 304 cavalli – 1917: riconvertita per trasporto di 17 ufficiali, 410 militari, 304 cavalli, operativa in Inghilterra - 1919: AJANA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1920: OTARAMA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1928: AMARANTO, per D. ; E. Fratelli Bozzo, Genova – 11.1932: demolita a Genova.
Amaranto 1928 (qui: Ajana 1912)
Amaranto 1928 (qui: Ojana 1912)
Amaranto 1928 (qui: Ojana 1912)
Passeggeri/cargo – Costruita dai cantieri Russell, Port Glasgow, UK, con il nome AJANA, bandiera inglese, per Australind Steam Sg Co Ltd, London – Varata 02.1912, consegnata 05.1912, GRT 7.759, Lpp 138.4 mt., Lo 17.1 mt., 2 motrici quadruplice espansione, 13.0 nodi – 10.1914: convertita a Sydney in nave trasporto truppe, 427 soldati e 304 cavalli – 1917: riconvertita per trasporto di 17 ufficiali, 410 militari, 304 cavalli, operativa in Inghilterra - 1919: AJANA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1920: OTARAMA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1928: AMARANTO, per D. ; E. Fratelli Bozzo, Genova – 11.1932: demolita a Genova.
Amaranto 1928 (qui: Ojana 1912)
Amaranto 1928 (qui: Otarama 1920)
Amaranto 1928 (qui: Otarama 1920)
Passeggeri/cargo – Costruita dai cantieri Russell, Port Glasgow, UK, con il nome AJANA, bandiera inglese, per Australind Steam Sg Co Ltd, London – Varata 02.1912, consegnata 05.1912, GRT 7.759, Lpp 138.4 mt., Lo 17.1 mt., 2 motrici quadruplice espansione, 13.0 nodi – 10.1914: convertita a Sydney in nave trasporto truppe, 427 soldati e 304 cavalli – 1917: riconvertita per trasporto di 17 ufficiali, 410 militari, 304 cavalli, operativa in Inghilterra - 1919: AJANA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1920: OTARAMA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1928: AMARANTO, per D. ; E. Fratelli Bozzo, Genova – 11.1932: demolita a Genova.
Amaranto 1928 (qui: Otarama 1920)
Amaranto 1928 (qui: Otarama 1920)
Amaranto 1928 (qui: Otarama 1920)
Passeggeri/cargo – Costruita dai cantieri Russell, Port Glasgow, UK, con il nome AJANA, bandiera inglese, per Australind Steam Sg Co Ltd, London – Varata 02.1912, consegnata 05.1912, GRT 7.759, Lpp 138.4 mt., Lo 17.1 mt., 2 motrici quadruplice espansione, 13.0 nodi – 10.1914: convertita a Sydney in nave trasporto truppe, 427 soldati e 304 cavalli – 1917: riconvertita per trasporto di 17 ufficiali, 410 militari, 304 cavalli, operativa in Inghilterra - 1919: AJANA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1920: OTARAMA, per New Zealand Sg Co Ltd, Plymouth, UK - 1928: AMARANTO, per D. ; E. Fratelli Bozzo, Genova – 11.1932: demolita a Genova.
Amaranto 1928 (qui: Otarama 1920)
Amazonia 1933 (qui: Aquileia 1921)
Amazonia 1933 (qui: Aquileia 1921)
Passeggeri – Costruita dal cantiere San Rocco, Trieste, con il nome INNSBRUCK, bandiera austriaca, per Lloyd Austriaco (con 2 fumaioli) – Varata 05.1914, consegnata 10.1915, GRT 7.077, Lpp 121.3 mt., Lo 15.6 mt., 2 turbine, 2 eliche, 12.0 nodi – 1919: INNSBRUCK, per Lloyd Triestino, Trieste - 1921: AQUILEIA, per Lloyd Triestino, Trieste (trasformata con un solo fumaiolo) – 1924: AQUILEIA, per Soc. Marittima Italiana, Genova – 1931. AQUILEIA, per Lloyd Triestino, Genova - 1933: AMAZONIA, per Lloyd Triestino, Genova – 1935: PALESTINA, per Lloyd Triestino, Genova - 1936: PALESTINA, per Adriatica SA di Nav., Venezia – 1940: ERIDANIA, per Lloyd Triestino SA di Nav., Venezia – 07.10.1943: silurata ed affondata da sommergibile fuori Capo Promontore, in viaggio da Veruda a Pola.
Amazonia 1933 (qui: Aquileia 1921)
America (1909)
America (1909)
Passeggeri/cargo – Costruita da Cantieri Riuniti, Muggiano, con il nome AMERICA, bandiera italiana, per La Veloce Nav. Italiana, Genova – Varata 11.1908, completata 05.1909, GRT 8.996, Lpp 154.1 mt., Lo 17.0 mt., 2 motrici triplice espansione, 16.0 nodi – 1912: AMERICA, per Nav. Generale Italiana, Genova – 12.1928: demolita
America (1909)
America (1909)
America (1909)
Passeggeri/cargo – Costruita da Cantieri Riuniti, Muggiano, con il nome AMERICA, bandiera italiana, per La Veloce Nav. Italiana, Genova – Varata 11.1908, completata 05.1909, GRT 8.996, Lpp 154.1 mt., Lo 17.0 mt., 2 motrici triplice espansione, 16.0 nodi – 1912: AMERICA, per Nav. Generale Italiana, Genova – 12.1928: demolita
America (1909)
America (1909)
America (1909)
Passeggeri ; Cargo – Costruita da Cantieri Riuniti, Muggiano, con il nome AMERICA, bandiera italiana, per La Veloce Nav. Italiana, Genova – Varata 11.1908, completata 05.1909, GRT 8.996, Lpp 154.1 mt., Lo 17.0 mt., 2 motrici triplice espansione, 16.0 nodi – 1912: AMERICA, per Nav. Generale Italiana, Genova (va sulla linea Italia/New York, 30 passeggeri in 1° classe, 220 in 2° classe, 2.400 in 3° classe) – 12.1928: demolita
America (1909)
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Passeggeri e carico – Costruita dal cantiere Ansaldo, Genova, con il nome AMERIGO VESPUCCI, bandiera italiana – Varata 03.1942, completata 05.1949, 9.774 GRT, 7570 DWT, Lft 147.8 mt., Lpp 138.3 mt., Lo 19.0, 1 diesel, 16.0 nodi – 01.1979: demolita a La Spezia – Serie di 6 navi da carico progettate nel 1939: Ugolino Vivaldi, Sebastiano Caboto, Paolo Toscanelli, Marco Polo, Amerigo Vespucci, Antoniotto Usodimare. Le prime tre furono terminate dopo la guerra, le ultime tre furono varate, affondate alla banchina dai cantieri, e poi recuperate. Le 6 mavi furono terminate come passeggeri e carico, e poi gestite sia dal Lloyd Triestino che dalla Italia di Nav.ne.1957: la Paolo Toscanelli, con l\'Italia di Nav. SpA, fu trasformata nave in cargo per la linea Centro America e Nord Pacifico. 1949: Ugolino Vivaldi e Sebastiano Caboto vanno al Lloyd Triestino per la linea con l\'Australia come navi passeggeri. Nel 1952 tornarono per un breve periodo all\'Italia SpA per la linea del Plata, poi rientrarono al Lloyd Triestino e trasformate in cargo. Marco Polo, Amerigo Vespucci e Antoniotto Usodimare continuarono l\'attività passeggeri sul centro America e sud Pacifico, poi nel 1963 furono cedute al Lloyd Triestino e trasformate in cargo.
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Passeggeri e carico – Costruita dal cantiere Ansaldo, Genova, con il nome AMERIGO VESPUCCI, bandiera italiana – Varata 03.1942, completata 05.1949, 9.774 GRT, 7570 DWT, Lft 147.8 mt., Lpp 138.3 mt., Lo 19.0, 1 diesel, 16.0 nodi – 01.1979: demolita a La Spezia – Serie di 6 navi da carico progettate nel 1939: Ugolino Vivaldi, Sebastiano Caboto, Paolo Toscanelli, Marco Polo, Amerigo Vespucci, Antoniotto Usodimare. Le prime tre furono terminate dopo la guerra, le ultime tre furono varate, affondate alla banchina dai cantieri, e poi recuperate. Le 6 mavi furono terminate come passeggeri e carico, e poi gestite sia dal Lloyd Triestino che dalla Italia di Nav.ne.1957: la Paolo Toscanelli, con l\'Italia di Nav. SpA, fu trasformata nave in cargo per la linea Centro America e Nord Pacifico. 1949: Ugolino Vivaldi e Sebastiano Caboto vanno al Lloyd Triestino per la linea con l\'Australia come navi passeggeri. Nel 1952 tornarono per un breve periodo all\'Italia SpA per la linea del Plata, poi rientrarono al Lloyd Triestino e trasformate in cargo. Marco Polo, Amerigo Vespucci e Antoniotto Usodimare continuarono l\'attività passeggeri sul centro America e sud Pacifico, poi nel 1963 furono cedute al Lloyd Triestino e trasformate in cargo.
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Passeggeri e carico – Costruita dal cantiere Ansaldo, Genova, con il nome AMERIGO VESPUCCI, bandiera italiana – Varata 03.1942, completata 05.1949, 9.774 GRT, 7570 DWT, Lft 147.8 mt., Lpp 138.3 mt., Lo 19.0, 1 diesel, 16.0 nodi – 01.1979: demolita a La Spezia – Serie di 6 navi da carico progettate nel 1939: Ugolino Vivaldi, Sebastiano Caboto, Paolo Toscanelli, Marco Polo, Amerigo Vespucci, Antoniotto Usodimare. Le prime tre furono terminate dopo la guerra, le ultime tre furono varate, affondate alla banchina dai cantieri, e poi recuperate. Le 6 mavi furono terminate come passeggeri e carico, e poi gestite sia dal Lloyd Triestino che dalla Italia di Nav.ne.1957: la Paolo Toscanelli, con l\'Italia di Nav. SpA, fu trasformata nave in cargo per la linea Centro America e Nord Pacifico. 1949: Ugolino Vivaldi e Sebastiano Caboto vanno al Lloyd Triestino per la linea con l\'Australia come navi passeggeri. Nel 1952 tornarono per un breve periodo all\'Italia SpA per la linea del Plata, poi rientrarono al Lloyd Triestino e trasformate in cargo. Marco Polo, Amerigo Vespucci e Antoniotto Usodimare continuarono l\'attività passeggeri sul centro America e sud Pacifico, poi nel 1963 furono cedute al Lloyd Triestino e trasformate in cargo.
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Passeggeri e carico – Costruita dal cantiere Ansaldo, Genova, con il nome AMERIGO VESPUCCI, bandiera italiana – Varata 03.1942, completata 05.1949, 9.774 GRT, 7570 DWT, Lft 147.8 mt., Lpp 138.3 mt., Lo 19.0, 1 diesel, 16.0 nodi – 01.1979: demolita a La Spezia – Serie di 6 navi da carico progettate nel 1939: Ugolino Vivaldi, Sebastiano Caboto, Paolo Toscanelli, Marco Polo, Amerigo Vespucci, Antoniotto Usodimare. Le prime tre furono terminate dopo la guerra, le ultime tre furono varate, affondate alla banchina dai cantieri, e poi recuperate. Le 6 mavi furono terminate come passeggeri e carico, e poi gestite sia dal Lloyd Triestino che dalla Italia di Nav.ne.1957: la Paolo Toscanelli, con l\'Italia di Nav. SpA, fu trasformata nave in cargo per la linea Centro America e Nord Pacifico. 1949: Ugolino Vivaldi e Sebastiano Caboto vanno al Lloyd Triestino per la linea con l\'Australia come navi passeggeri. Nel 1952 tornarono per un breve periodo all\'Italia SpA per la linea del Plata, poi rientrarono al Lloyd Triestino e trasformate in cargo. Marco Polo, Amerigo Vespucci e Antoniotto Usodimare continuarono l\'attività passeggeri sul centro America e sud Pacifico, poi nel 1963 furono cedute al Lloyd Triestino e trasformate in cargo.
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Passeggeri e carico – Costruita dal cantiere Ansaldo, Genova, con il nome AMERIGO VESPUCCI, bandiera italiana – Varata 03.1942, completata 05.1949, 9.774 GRT, 7570 DWT, Lft 147.8 mt., Lpp 138.3 mt., Lo 19.0, 1 diesel, 16.0 nodi – 01.1979: demolita a La Spezia –
Serie di 6 navi da carico progettate nel 1939: Ugolino Vivaldi, Sebastiano Caboto, Paolo Toscanelli, Marco Polo, Amerigo Vespucci, Antoniotto Usodimare. Le prime tre furono terminate dopo la guerra, le ultime tre furono varate, affondate alla banchina dai cantieri, e poi recuperate. Le 6 mavi furono terminate come passeggeri e carico, e poi gestite sia dal Lloyd Triestino che dalla Italia di Nav.ne. 1957: la Paolo Toscanelli, con l’Italia di Nav. SpA, fu trasformata nave in cargo per la linea Centro America e Nord Pacifico. 1949: Ugolino Vivaldi e Sebastiano Caboto vanno al Lloyd Triestino per la linea con l’Australia come navi passeggeri. Nel 1952 tornarono per un breve periodo all’Italia SpA per la linea del Plata, poi rientrarono al Lloyd Triestino e trasformate in cargo. Marco Polo, Amerigo Vespucci e Antoniotto Usodimare continuarono l’attività passeggeri sul centro America e sud Pacifico, poi nel 1963 furono cedute al Lloyd Triestino e trasformate in cargo.
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Passeggeri e carico – Costruita dal cantiere Ansaldo, Genova, con il nome AMERIGO VESPUCCI, bandiera italiana – Varata 03.1942, completata 05.1949, 9.774 GRT, 7570 DWT, Lft 147.8 mt., Lpp 138.3 mt., Lo 19.0, 1 diesel, 16.0 nodi – 01.1979: demolita a La Spezia –
Serie di 6 navi da carico progettate nel 1939: Ugolino Vivaldi, Sebastiano Caboto, Paolo Toscanelli, Marco Polo, Amerigo Vespucci, Antoniotto Usodimare. Le prime tre furono terminate dopo la guerra, le ultime tre furono varate, affondate alla banchina dai cantieri, e poi recuperate. Le 6 mavi furono terminate come passeggeri e carico, e poi gestite sia dal Lloyd Triestino che dalla Italia di Nav.ne.
1957: la Paolo Toscanelli, con l’Italia di Nav. SpA, fu trasformata nave in cargo per la linea Centro America e Nord Pacifico. 1949: Ugolino Vivaldi e Sebastiano Caboto vanno al Lloyd Triestino per la linea con l’Australia come navi passeggeri. Nel 1952 tornarono per un breve periodo all’Italia SpA per la linea del Plata, poi rientrarono al Lloyd Triestino e trasformate in cargo. Marco Polo, Amerigo Vespucci e Antoniotto Usodimare continuarono l’attività passeggeri sul centro America e sud Pacifico, poi nel 1963 furono cedute al Lloyd Triestino e trasformate in cargo.
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Amerigo Vespucci (1949)
Passeggeri e carico – Costruita dal cantiere Ansaldo, Genova, con il nome AMERIGO VESPUCCI, bandiera italiana – Varata 03.1942, completata 05.1949, 9.774 GRT, 7570 DWT, Lft 147.8 mt., Lpp 138.3 mt., Lo 19.0, 1 diesel, 16.0 nodi – 01.1979: demolita a La Spezia –  Serie di 6 navi da carico progettate nel 1939: Ugolino Vivaldi, Sebastiano Caboto, Paolo Toscanelli, Marco Polo, Amerigo Vespucci, Antoniotto Usodimare. Le prime tre furono terminate dopo la guerra, le ultime tre furono varate, affondate alla banchina dai cantieri, e poi recuperate. Le 6 mavi furono terminate come passeggeri e carico, e poi gestite sia dal Lloyd Triestino che dalla Italia di Nav.ne. - 1957: la Paolo Toscanelli, con l’Italia di Nav. SpA, fu trasformata nave in cargo per la linea Centro America e Nord Pacifico. 1949: Ugolino Vivaldi e Sebastiano Caboto vanno al Lloyd Triestino per la linea con l’Australia come navi passeggeri. Nel 1952 tornarono per un breve periodo all’Italia SpA per la linea del Plata, poi rientrarono al Lloyd Triestino e trasformate in cargo. Marco Polo, Amerigo Vespucci e Antoniotto Usodimare continuarono l’attività passeggeri sul centro America e sud Pacifico, poi nel 1963 furono cedute al Lloyd Triestino e trasformate in cargo.
Amerigo Vespucci (1949)
Amerikanis 1967 (ex Kenya Castle 1952)
Amerikanis 1967 (ex Kenya Castle 1952)
Passeggeri/cargo con stive refrigerate - Costruita da Harland and Wolff, Belfast, UK, con il nome KENYA CASTLE, per la Union Castle Line, bandiera inglese ; Varata 06.1951, completata 02.1952, GRT 17.041, DWT 10.252, Lft 175.7 mt., Lpp 164.8 mt., Lo 22.7 mt., 2 truboriduttori, 19.5 nodi -Nave per 500 passeggeri in classe unica ; 1967: AMERIKANIS, per Chandris Lines, convertita completamente in nave da crociere ; 1980/1984: AMERIKANIS, in charter a Costa Cruises; 1985: AMERIKANIS, per Chandris Lines fino al 1996 ; 06.2001: demolita demolita ad Alang. (Tre navi gemelle: Braemar Castle ; Rodhesia Castle ; Kenya Castle)
Amerikanis 1967 (ex Kenya Castle 1952)
 
 
Powered by Phoca Gallery